PM famiglia

Sono seduto insieme a Marina Longhi, suo marito Antonello Riva, il loro figlio Ivan e la fidanzata Adele Samarelli, meglio conosciuta come Dada. Non solo questi carismatici italiani sono tra i nostri principali membri del team in tutto il mondo, in particolare Marina e Dada, ma sono anche una delle famiglie di maggiore successo nel mondo degli affari con PM. Scopriamo come hanno iniziato e che cosa significa per loro fare affari con PM. Ecco la loro storia:

Quando essere felice come moglie e madre non basta

Tutto è iniziato quattro anni fa con Marina e un post su Facebook. Dopo aver visto una foto di FitLine Ultimate Young, voleva acquistare il prodotto e provarlo. Poi ha iniziato a parlare con delle persone ed è venuta a sapere che c’era un intero business dietro quei prodotti in cui avrebbe potuto essere coinvolta, se lo desiderava. Naturalmente, volevo sapere cosa avesse fatto prima di entrare a far parte di PM. Con un ammiccamento, Marina dice: “Facevo la casalinga… disperata” e ride (qualcuno nota il sottile riferimento alla serie TV americana?). La sua risposta mi sorprende, Non tanto la prima parte, ma la seconda, perché è così piacevolmente diretta. Marina spiega come è diventata casalinga e madre, e che trascorreva la maggior parte del suo tempo accanto al marito. Ora, è possibile che gli italiani sappiano che Antonello è un giocatore di basket professionista in pensione e capocannoniere di tutti i tempi per la Lega italiana. Quando andava in giro per le partite, Marina di solito lo accompagnava, pertanto aveva accantonato la possibilità di lavorare. Afferma: “Lui era quello che lavorava. Io sono sempre stata la moglie e madre”.

 

Ma non è che lei fosse “solo” una moglie e madre. Al contrario, voleva essere una moglie e madre guadagnando soldi e dando un contributo alla famiglia. Il problema era trovare un lavoro che fosse compatibile con i loro viaggi: “Ho sempre voluto lavorare. Ma non ho mai saputo cosa avrei potuto fare. Raramente restavamo a lungo nello stesso posto. Viaggiavamo molto. Quindi, sono stata davvero fortunata e privilegiata a non dover lavorare. Ma negli anni ho sentito il bisogno personale di farlo”.

Quando Marina ha iniziato a lavorare con PM, tutto è cambiato. La parte più difficile per lei in un primo momento è stato lottare contro la mancanza di fiducia in se stessa:

“Ho dovuto combattere contro me stessa e imparare a capire che sono in grado di fare qualcosa. È stata una vera sfida, non sapendo se avrei potuto ottenere qualcosa per conto mio”. – Marina Longhi

Oggi, quattro anni dopo, Marina ha compiuto il passaggio da moglie e madre a moglie, madre (anche futura nonna) E donna d’affari di successo. Presso PM, chiunque può farcela. Tutto ciò che occorre è determinazione, un obiettivo e la passione per ciò che si fa.

FitLine: una questione familiare

Allora ragazzi… signore e signori, questa donna non solo ha rivoluzionato la sua vita, ma la vita di tutta la sua famiglia. Quando Marina ha iniziato a lavorare con PM, Antonello si era già ritirato dal basket professionistico da tanti anni e lavorava come allenatore per il Barcellona Basketball. Per un po’ aveva avuto seri dubbi su cosa avrebbe potuto fare per lo sport. Non era sicuro del suo futuro e del futuro della sua famiglia. Marina gli ha mostrato che ci sono altre grandi cose da fare e un nuovo significato da dare alla propria vita. Alla scadenza del contratto, si è imbarcato in quello che pensava sarebbe stato un giro di prova di un anno. Ha pensato: “Sì, potrebbe essere interessante lavorare con PM. Proverò per un anno a fare del mio meglio”. Non aveva nulla da perdere. Quindi, perché non provare qualcosa di completamente nuovo in relazione a ciò che era solito fare? Quella che è iniziata come un’avventura si è presto trasformata in una relazione di grande impegno. “L’anno in cui abbiamo iniziato, è stato coinvolto anche il resto della famiglia. A quel punto, gli affari in Italia sono praticamente esplosi con tutto l’entusiasmo. E lo slancio e l’impeto che ne è seguito non sono stati di breve durata. Abbiamo creduto sempre di più in PM e nella nostra capacità di avere successo”, afferma Antonello.

Sostenere la crescita personale

C’è altro? Certo che sì. La coppia più giovane: Dada e Ivan. Che spettacolo vedere questi due ragazzi in piedi, l’una accanto all’altro. Lui con i suoi imponenti 2,05 m e lei di (credo) 1,65 m. Anche seduto per l’intervista, Ivan sembra essere più grande del divano. Ma torniamo al nostro discorso:

per Ivan e Dada, la realizzazione personale di Marina ha portato indirettamente alla loro crescita personale e dato benefici al loro rapporto. Come suo padre, Ivan era un giocatore di basket professionista. Lui e Dada avevano una relazione a distanza. Ma una volta entrati a far parte di PM, sono riusciti a progettare la loro vita insieme. Lavorando insieme, hanno imparato molto l’uno dell’altro. Alla nostra domanda sulla più grande sfida lavorativa, Ivan risponde scherzosamente: “Lavorare insieme alla mia ragazza”. Dada sorride e concorda, almeno in parte. Naturalmente, passare la maggior parte del tempo insieme è una grande sfida. Ma i vantaggi sicuramente superano i piccoli litigi che i due possono avere di tanto in tanto. Per entrambi, lavorare con PM li ha aiutati a livello personale. Pensavano di essere piuttosto introversi e timidi. Ivan spiega nel dettaglio:

“Il lavoro ha cambiato la mia personalità nel senso che sono diventato più estroverso e aperto al mondo e agli altri”. – Ivan Riva

E Dada può festeggiare una vittoria molto personale. Lei è una fotografa e aveva il sogno di diventare un’artista. Quando ha conosciuto PM, voleva combinare le due cose: la sua passione per la fotografia e il suo amore per i prodotti. “Credo di aver trovato la giusta combinazione con PM”, conclude Dada.

Inseguire il suo sogno e decidere di scrivere la propria storia alla fine si è rivelato molto di più per Marina e la sua famiglia. La loro vita familiare è ricca di divertimento, mentre lavorano insieme per raggiungere un obiettivo comune: “Un maggiore benessere per noi stessi e per gli altri”.

Grazie mille, famiglia Longhi/Riva… grazie per averci concesso una chiacchierata e per aver condiviso i vostri pensieri personali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Post comment